Coscio di tacchino arrosto

Coscio di tacchino arrosto

25/08/2014 - Secondi

Coscio di tacchino arrosto

Coscio di tacchino

Va mangiata la carne bianca, perché è più magra e più leggera di quella rossa. Anche più economica: il coscio di tacchino arrosto è un piatto per tempi di crisi come questi!

Non amo molto la carne di tacchino in verità, ma il coscio, ben aromatizzato e cotto in forno diventa accettabile per i miei canoni gustativi. Accompagnato da una montagna di patate al forno fa proprio la sua … figura!

Come fare il coscio di tacchino arrosto

Per prima cosa preparo il condimento, ossia in una ciotola unisco sale, pepe, anzi un mix di pepi (neri e bianchi) ed erbe come rosmarino, aglio spremuto, timo e maggiorana essiccati, secondo il gusto e la disponibilità. Con questa amalgama di spezie ed erbe aromatiche massaggio le coscie di tacchino e cerco di infilarne un po’ anche all’interno premendo con un dito dalla parte dell’osso tagliato.

Metto le cosce in una pirofila unta d’olio insieme a foglie di alloro e bacche di ginepro.

Cosce di tacchino

Cosce di tacchino

Verso un filo d’olio anche sopra le cosce e le metto in forno a 160-170°C. Dopo mezzora giro le cosce e le bagno con del vino bianco. Dopo un’altra mezz’ora le giro di nuovo e le bagno ancora con del vino bianco. Lascio cuocere ancora mezzora. In tutto devono cuocere circa un’ora e mezzo senza alzare troppo la temperatura. Così la carne s’intenerisce e la pelle non si brucia.

Tacchino arrosto

Cosce di tacchino arrosto

E le patate? Beh, una volta infornato il tacchino, sbuccio le patate, le taglio a cubetti e le metto in acqua fredda. Dopo un po’ le asciugo e le metto in un’altra pirofila (foderarla di carta forno bagnata aiuta eccome!) con olio, sale, aghi di rosmarino e spicchi d’aglio in camicia. Le metto in forno negli ultimi 40 minuti, girandole una volta a metà cottura.

Coscio di tacchino arrosto

Coscio di tacchino arrosto con patate

Coscio di tacchino arrosto con patate

Coscio di tacchino arrosto con patate

L’accompagno con un rosso non troppo tannico, ma di gusto intenso, per esempio un Trentino Merlot o andando in Francia un Borgogna Rosso.

› ingredienti: aglio / alloro / ginepro / olio / pepe / sale / tacchino / vino bianco /

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *